Come sono gli Italiani a letto? Siamo ancora dei Latin Lovers?

Renato Bellini giugno 28, 2008 0

sesso con vicino di casa

Il Popolo Italiano potremmo definirlo il Popolo del Sesso?!

In realtà, le cose vanno diversamente da quanto potremmo immaginarci. Secondo alcune ricerche gli Italiani sono tra gli uomini che praticano meno sesso in assoluto rispetto al resto d’Europa.

Forse è anche per questo motivo che siamo i primi in classifica tra quelli più allupati e vogliosi.

Insomma, “Tante parole pochi fatti”, sembrerebbe questa la situazione che descrive meglio il panorama Italiano. La vita sessuale, secondo gli intervistati è meno intensa di quanto vorrebbero in realtà, per ben 8 Italiani su 10. Solo il 20% si ritiene completamente soddisfatto.

Secondo una statistica condotta in 27 paesi l’Italia è al penultimo posto. Se in Francia e anche in Germania si arriva a fare l’amore 8 volte al mese, in Italia non si superano le 2 volte. Alcuno lo chiamano effetto “Sex and the City” e sta rovinando la vita dei nobili maschi Italiani.

Il mito del maschio Italiano è ormai giunto al tramonto? I dati in giro per l’Europa, sono sconcertanti e sembrano confermare questa tesi. Oltre a non essere più considerati come i latin lovers per eccellenza, non siamo neppure considerati come un popolo di esperti nell’ambito sessuale.

Cosa manca agli italiani per essere soddisfatti sessualmente? Il 45% degli uomini ha dichiarato che il numero di rapporti avuti nelle ultime 4 settimane, è inferiore alle proprie aspettative e questa tesi trova concorde il 43% delle donne.

Nonostante questi dati più di un Italiano su tre è convinto che avere un rapporto sessuale migliori la qualità della propria vita, per la maggior parte è considerato un elemento determinante per garantire una continuità nel tempo del rapporto matrimoniale.

Un imponente 96% considera il sesso una componente necessaria per una vita completa.

I dati allarmanti tuttavia non finiscono qui, infatti sembrerebbe che solo un uomo su due riesca a raggiungere un’erezione adeguata.

Alla nostra domanda “quante volte riuscite a raggiungere un’erezione in grado di garantire un soddisfacente rapporto sessuale?”, solo il 50% ha risposto con sicurezza sempre. L’altra metà invece ha confessato il proprio handicap.

Quest’ultimo dato è decisamente indicativo perchè ci spiega in modo netto il motivo per cui gli Italiani facciano poco l’amore.

Direi che sia ufficialmente giunto il momento di correre ai ripari e tornare a “rialzare” (forse Berlusconi era preoccupato anche da questi dati, mentre studiava il pay-off per la campagna elettorale) in queste importantissime classifiche ed occupare l’unico posto che dovrebbe spettarci, il primo.

Già, chissenefrega della crisi economica, possibile che in Italia tutto salga, l’inflazione galoppante, il prezzo del petrolio ed il costo della vita, meno il nostro compagno fedele di mille avventure.

Se tutti al mondo fossero come Gerolamo per le Donne non ci sarebbero speranze; infatti questo ragazzo di 24 anni è un caso disperato. Lui è uno di quelli che contribuisce a mantenere alto il nome del maschio Italiano.

Ci ha confidato di soffrire di una lieve disfunzione erettile che lo porta ad essere sempre in erezione al massimo.
“Una volta mi è capitato di fare l’amore con la mia ragazza per cinque volte di fila, dopo la quinta si è leggermente infiacchito, ma solo per qualche ora”

Per fortuna non c’è solo Gerolamo; esistono infatti categorie di persone che a letto “lavorano” molto più spesso dei normali uomini comuni.
Tra queste ci sono sicuramente i calciatori che per meriti che spesso non centrano niente con lo sport contribuiscono a innalzare i dati.

Un’altra categoria di trombatori accaniti è quella dei manager/imprenditori. Un esempio è quello di Franco, imprenditore livornese sposato con 2 figli e una moglie che è sempre accondiscentente alle idee di suo marito.

I due infatti sono sempre entusiasti di sperimentare giorno per giorno, posizioni e situazioni particolari. Il loro entusiasmo ogni tanto gli riserva sorprese poco piacevoli

Una sera ero a letto con mia moglie e volevo fare qualcosa diverso dal solito. Ho chiesto a mia moglie di vestirsi in modo provocante e di aspettarmi all’ingresso del giardino della nostra abitazione. Io sono arrivato dopo una decina di minuti ed ero vestito come il classico uomo appena uscito di galera. Jeans usurati, la maglia del gruppo rock preferito di mio figlio ed una bandana nera in testa, insomma il classico abbigliamento da persona poco raccomandabile. Preso dal personaggio, abbiamo inscenato una violenza sessuale dietro all’albero del nostro giardino. La libidine era davvero alle stelle, era da anni che non ci divertissimo così tanto, l’eccitazione era davvero a mille. Sfortunatamente però il solito vicino di casa ha rovinato tutto. Abito all’interno di un centro residenziale composto da villette monofamiliari, mai più avrei pensato che nel vialetto centrale potesse passare il mio vicino di casa alle tre di notte. Grazie alla sua telefonata mi sono trovato delle manette sui polsi e sfortunatamente non erano di mia moglie.

La prossima volta che vi viene la voglia “famolo strano”, vi converrà avvisare i vostri vicini di casa per evitare di trovarvi a concludere la serata con dei simpatici ragazzi in divisa.

Leave A Response »