Il calcio è lo sport degli ignoranti.

Renato Bellini marzo 1, 2010 2

Io voglio dare un taglio all’articolo che odori di distinzione sociale. E condannare una volta per tutte questa società calciocentrica. Ma basta! Siamo circondati da programmi sul calcio 24 ore su 24. Canali televisivi di società sportive che trasmettono tutti i giorni notizie futili quanto insignificanti. E c’è anche chi paga per avercele in tv!

L’idea che mi sono fatto è che il calcio sia lo sport del popolo bue. Chi tifa è affetto da ignoranza acuta, in particolar modo per quelle che sono le squadre maggiori come Inter, Milan e Juventus, dove spesso non c’è neanche la “giustificazione” della squadra della propria città. Che potrebbe risultare come attenuante, invece: “tifo Inter perchè è forte”,

Gli episodi di violenza, non solo dei tifosi, sono solo la punta di un iceberg. Dietro c’è un mondo di maleducazione e cafonaggine, altro che goliardìa. E la colpa maggiore è dei giornalisti. La piantassero di strillare come delle ragazzine e iniziassero a fare il loro mestiere in modo dignitoso. Magari con un barlume di obiettività, senza falsi moralismi.

Negli anni Ottanta Agnelli anzichè aumentare lo stipendio degli operai, prometteva Maradona. In tempi più recenti i favori politici in cambio di prestazioni sportive, o meglio, commerciali, si sono tradotte in un calcio moderno che puzza sempre più di marcio. E chi lo vive, ignora questa situazione, dimostrando, per associazione, ignoranza.

2 Comments »

  1. Maurizio Stanca marzo 1, 2010 at 10:34 pm - Reply

    Pienamente d’accordo con il discorso realativo ai troppi, ahimè, tifosi di grandi squadre semplicemente perchè forti. Ma non generalizziamo troppo: il tifo è la parte sana di questo sport, è chi vive una passione, è tifare per la squadra della tua città, anche se questa non vince mai e non calcherà mai palcoscenici importanti come la Champions, chiaramente senza esasperare gli animi, come dici tu, caricati eccessivamente dai Biscardi di turno, e cadare nel baratro della violenza.

  2. senyek giugno 1, 2010 at 9:05 pm - Reply

    Il calcio…come la politica…come il grande fratello…sono diventati fenomeni mediatici, merchandising e manipolazione di masse. Io non sono interessato al calcio, ma forse una volta poteva dirsi uno sport pulito, oggi è soltanto “il filo” per manovrare la marionetta sociale. Purtroppo viviamo in una società a cui anche se spieghi che c’è al potere chi ruba loro i soldi per vivere, continuano ad andare a dare il voto perchè magari li è stato permesso di arrivare a stento a fine mese, una società che segue la TV come se fosse un oracolo nelle varie avventure della mucca pazza, la suina, l’aviaria…IL CALCIO. Io sono d’accordo quando scrivi che il calcio è lo sport degli ignoranti, ma lo dico perchè in genere trovo che si parla di calcio dove c’è gente che non ha ambizioni ne cultura e se lo dici in pubblico vieni anche additato come blasfemo, perchè, questa società non è una società che crede a quello che può raggiungere con il proprio, ma crede a chi decide di creare una falsità convincendo la massa che è vera, di conseguenza una falsità diventa vera per forza e tu che non credi a quella falsità sarai solo additato come miscredente.

Leave A Response »