In anteprima il nuovo teorema per convincere le lesbiche!

Renato Bellini luglio 6, 2010 1

Da milioni di anni l’unico comune denominatore delle perversioni sessuali degli uomini si chiama “lesbiche”. Chi non ha mai sognato di essere in mezzo a feroci topolone da combattimento?

Che poi si sa, le lesbiche sono donne comuni a cui piace la patata, non è che per forza devono essere ninfomani (per quanto ci possa sembrare strano, illogico e privo di fondamento etico).

Il vero problema di questo nostro capriccio erotico è che sia di difficile implementazione. Per questo sono mesi che mi sto dedicando a efficaci teorie sull’universo saffico.

Non senza dei risultati. Come ogni teorema si deve partire da un’ipotesi stringente: le donne in questione non vogliono una relazione con degli uomini. Quindi fare gli uomini non ha senso.

E non credo non abbia neanche senso fingere di essere gay, perchè le si attrarebbe a livello comportamentale, ma non da un punto di vista sessuale. Quindi cosa fare? Semplice, trovatevi l’amica bisessuale.

L’amica bisessuale è un elemento che fa da collante tra voi e il mondo lesbo. Deve essere necessariamente molto topolona e deve consentirvi di rapportarvi con la lesbica per una forma di associazione.

Al giorno d’oggi, chi non partecipa alle orgie? Organizzate una serata tra voi tre, magari anticipando alla lesbica la possibilità che le facciate conoscere una sua collega. Poi, da veri amici, approverete l’intrallazzo.

A quel punto entra in azione l’amica bisessuale. Farà in modo che entriate nelle grazie della lesbica e promuoverà un fantastico incontro. E per merenda avrà tutto, la ciambella e il cannolo. Non male.

One Comment »

  1. Angel luglio 6, 2010 at 11:30 am - Reply

    Ok, le basi del teorema (ipotesi e tesi) sono state messe giù. Adesso aspettiamo la dimostrazione pratica.

Leave A Response »