La postina che non ti aspetti, intraprendente.

Renato Bellini giugno 17, 2010 4

Te ne stai lì, a casa tua, tranquillo a prenderti un caffè, prima di entrare nel tuo bolide per giungere in redazione. Una giornata come le altre: uggiosa, afosa, ma piena di speranza.

Di solito inizio ad avere i miei primi sbalzi ormonali quotidiani dopo pranzo, quella volta ci ha pensato la postina ad anticipare i tempi. Sento citofonare, rispondo, c’è da firmare.

Scendo, è la postina. Una megatopolona sorridedente. Minigonna nera d’ordinanza, camicia aperta che lascia intravedere delle zinne niente male. Un vero e proprio invito a procedere.

Ed eccomi là, davanti ad un palese interessamento erotico nei miei confronti. Perchè l’avevo capito, mica sono scemo. L’unico pacco a cui lei era interessata era il mio, non quel “premium pack” di dvd porno.

Ma si sa, l’astuzia è una peculiarità che hanno solo pochi uomini. Ed io, modestamente, peculio. Una brillante proposta, quella di invitarla a prendere un caffè con me. Il suo rifiuto l’ennesima dimostrazione d’affetto.

Mi sorrise, e allora lì ho capito tutto. Ho aperto la confezione dei film erotici e le ho detto “scegline uno, pecora, missionario o orgia”. Lei scoppia a ridere, incredibilmente, quasi divertita, mi dice che è sposata.

E allora io, con grande eleganza, una bella pacca sul culetto per stemperare la tensione. Non capisco la successiva telefonata minatoria del marito. Da parte sua una vera e propria caduta di stile.

4 Comments »

  1. Luca giugno 17, 2010 at 11:08 am - Reply

    Nei tags devi anche mettere: fantasia, daydream

    • Angel giugno 17, 2010 at 1:32 pm - Reply

      Fantastico…

  2. Angel giugno 17, 2010 at 1:34 pm - Reply

    Masi, basta con le seghe, che poi fa brutti sogni.

    PS: la minigonna d’ordinanza non esiste, la postina non porta la camicia sbottonata, le megatopolone non fanno le postine.

    • Nicodemus giugno 17, 2010 at 9:09 pm - Reply

      giustissimo! 😀
      I wet dreams di Masi continuano imperterriti…

Leave A Response »