Le donne si masturbano più di noi.

Renato Bellini maggio 18, 2010 25

Parliamoci chiaro. Nessuna donna vi verrà mai a dire che si tocca. Nè tantomeno vi chiederà esplicitamente se trovate interessante il fatto che si masturbi.

Semplicemente si vergognerebbe. Un sentimento peraltro a noi così distante, visto che siamo uomini veraci e spontanei. Ammettiamo che ogni tanto a noi scappa e non abbiamo fanciulle a portata di mano.

E allora la stessa regola vale per le donne. Ma loro, in maniera del tutto falsa e ipocrita, non ce lo dicono! Anzi, nascondono i loro strumenti sessuali come scheletri nell’armadio.

Cari miei, è giunta l’ora di togliere la polvere sotto il tappeto. Basta con il clichè dell’uomo avvinghiato sui dvd porno, parliamo piuttosto di delle donne normali.

Quelle stesse femmine che ci accusano di pensare sempre al sesso quando sono loro le prime a passare il tempo con “se stesse”. Avete solo da coglierle in flagrante.

Per esempio sbirciando nel loro armadio troverete vibratori, manette, preservativi, fruste, melanzane, guinzagli e persino dei giubbotti in pelle!  Per non parlare dei jeans.

Poniamole spalle al muro e diciamo chiaro e tondo quello che pensiamo di loro. Sono poco meno che pervertite travestite da conformiste. L’ipocrisia della società moderna!

25 Comments »

  1. Nicodemus maggio 18, 2010 at 9:36 am - Reply

    “Per non parlare dei jeans”
    I jeans: il famigerato strumento per l’autoerotismo del terzo millennio.

  2. Angelo maggio 18, 2010 at 5:21 pm - Reply

    Quella dei jeans non l’ho capita? Cosa c’entrano?

    • Rosario Masi maggio 18, 2010 at 6:03 pm - Reply

      Possono essere usati come strumento sessuale, infatti un giudice di pace ha stabilito che chi li indossa non può subire stupri perchè è accondiscendente!

      • Nicodemus maggio 19, 2010 at 8:57 am - Reply

        che tonto che sei…
        i jeans non sono considerati “strumento sessuale” da quella sentenza: semplicemente, quella sentenza dice che “se una donna indossa i jeans, non si può considerare stupro perchè i jeans sono difficili da togliere, quindi si presume che se li sia tolti da sola!”
        (a parte che la sentenza è una boiata estrema, e i jeans si tolgono come qualsiasi altro capo d’abbigliamento…ogni tanto i giudici scanocchiano di brutto, come quella volta che diedero l’attenuante a un patrigno che aveva stuprato la figliastra solo perchè lei aveva già avuto rapporti sessuali).

        p.s.: non credo che sia stato un giudice di pace… in genere cose come gli stupri sono di competenza del tribunale di primo grado.

        • Rosario Masi maggio 19, 2010 at 6:54 pm - Reply

          Beh, quindi ho ragione, no?

          • Kra maggio 19, 2010 at 8:35 pm -

            no.

          • Rosario Masi maggio 19, 2010 at 11:46 pm -

            Eh, figurati.

          • Nicodemus maggio 20, 2010 at 10:40 am -

            ma cosa sei, stordito????
            hai letto quello che ho scritto??

          • Rosario Masi maggio 20, 2010 at 12:11 pm -

            L’ho interpretato in maniera oculata ed accorta, non vorrai mica dire che non eri d’accordo con me?

          • Nicodemus maggio 20, 2010 at 2:07 pm -

            Eccome se non ero d’accordo con te.
            La sentenza non definisce i jeans “strumento sessuale”, li definisce “indumento difficile da togliere”.
            E’ stata questa la base che ha portato i giudici a assolvere gli stupratori: se i jeans sono difficili da togliere, è evidente che se li è tolta da sola, non possono averlo fatto gli stupratori!!! (a parte che, come ho già detto, i jeans sono un indumento come qualsiasi altro, e quindi possono benissimo essere tolti contro la volontà di chi li porta).

            Ma è altrettanto evidente che la sentenza è uno scandalo giuridico.

            Per concludere, ripeto:
            I jeans NON sono uno strumento sessuale. Sono semplicemente un indumento di uso comune difficile da togliere. (ribadisco, nell’ottica di quella sentenza).
            (chiarimento finale).

          • Kra maggio 21, 2010 at 12:40 am -

            “se stesse”

          • Lady maggio 21, 2010 at 12:21 am -

            Sì, hai ragione. Nel mondo degli unicorni rosa e delle marmotte che confezionano la cioccolata.

          • Rosario Masi maggio 21, 2010 at 8:33 am -

            Sei un essere asessuato o cosa?

          • Kra maggio 21, 2010 at 10:42 am -

            “o cosa”

  3. Yellow Pecora maggio 20, 2010 at 4:32 pm - Reply

    Le donne sono delle predatrici sessuali con voglie insaziabili, si certo.
    Ma alla fine quello che sta sempre a scrivere articoli su come rimorchiare sei te.
    Confessa: sarai mica una donna?

  4. miskel maggio 21, 2010 at 3:37 pm - Reply

    hahaha buffone ma quanti anni c hai???

    • Rosario Masi maggio 21, 2010 at 4:03 pm - Reply

      Moderi i termini maldestro lettore!

  5. pasquale maggio 24, 2010 at 12:06 pm - Reply

    mai letto niente di più insensato.

    • Rosario Masi maggio 24, 2010 at 12:07 pm - Reply

      Beh, positiva come cosa. E’ pur sempre una nuova esperienza di vita.

  6. s|a maggio 25, 2010 at 5:14 pm - Reply

    “melanzane”??!! hahahhahahhahahha!

  7. excalibur giugno 13, 2010 at 7:52 am - Reply

    Magari fosse così, in realtà la donna media è talmente indaffarata e stressata, che ha poca voglia e tempo per ritagliarsi uno spazio erotico tutto suo. E’ la mancanza di desiderio il problema. Son tempi depressi, non arrapati, questi. Per quanto riguarda la supposta ipocrisia femminile, si tratta di una forma di difesa. Non mi pare che la società italiana sia molto aperta è evoluta. Esiste tuttora la doppia morale

    • Rosario Masi giugno 13, 2010 at 2:22 pm - Reply

      Ma questa donna è anche intelligente, esperimento biologico?

      • excalibur giugno 14, 2010 at 12:13 pm - Reply

        La natura a volte fa strani scherzi.

  8. flavio luglio 5, 2010 at 7:57 pm - Reply
    • Renato Bellini luglio 5, 2010 at 11:27 pm - Reply

      non capisco il puno del “servito” mi sembra un articolo che parla bene di noi, non vedo nulla per cui dovrei ritenermi offeso…

Leave A Response »