Professore di anatomia si spoglia davanti agli alunni per illustrare loro l’apparato genitale maschile.

Renato Bellini marzo 3, 2009 0

sexy-prof

La categoria dei professori, è una di quelle più soggette a giudizi sia positivi che negativi. Sappiamo che ci sono stati molti casi di insegnanti che sono stati costretti ad abbandonare il loro lavoro, perchè hanno avuto dei comportamenti sbagliati, che in qualche modo hanno influenzato in negativo chi li stava ascoltando. 

Su tutti i giornali, è stato riportato il caso del prof che si è fumato uno spinello in classe, davanti ai suoi alunni come se niente fosse, anzi vantandosi e facendosi riprendere. 

Nelle cronache però, non escono mai delle storie che hanno un sfondo sessuale forte, come quella che vi racconterò oggi, che vi farà capire quanto il sesso possa influire nella vita di una persona qualsiasi. 

Poco tempo fa, un giovane professore di anatomia è stato licenziato, perchè si è letteralmente spogliato davanti agli alunni, per illustrare loro come fosse fatto l’apparato genitale maschile e quali “poteri speciali” potesse avere. Ovviamente è stato immediatamente licenziato in tronco e non ha avuto possibilità di rispondere. 

Grazie ai miei informatori, ho conosciuto questa storia e ho voluto andare a parlare personalmente con questo soggetto, anche per capire il perchè di un suo gesto così plateale e controproducente per lui e per il suo lavoro. 

Mi sono trovato davanti una persona molto sicura di se e senza particolari timori reverenziali. 

La sua idea di base era quella di chiamare un modello per farlo venire a posare nudo davanti all’aula, un pò come capita per le ragazze nei corsi di arte quando si deve svolgere un ritratto di un nudo femminile (che è la parte che a noi maschietti piace di più e per la quale ci iscriviamo a quei tipi di corsi). 

Il modello all’ultimo ha disdetto e allora lui ha pensato bene di immedesimarsi personalmente nella parte.

Francamente la scelta è molto discutibile, anche perchè per illustrare un apparato genitale maschile, non c’è bisogno di mettere un uomo nudo davanti a un aula piena di ragazzi e ragazze. 

Il professore mi ha detto che se tornasse indietro lo rifarebbe e che secondo lui non è stata una così sconvolgente per dei ragazzi che hanno già sopra i 20 anni. 

Il fatto è che oggi una cosa così sconvolge per forza, perchè è un gesto molto forte, fatto per impressionare in maniera pazzesca chi sta ascoltando. Bisogna essere consci di questo e capire che non è un comportamento da tenere in una situazione simile. Certo non sono state dette delle cose negative ne che hanno potuto turbare gli ascoltatori, ma è il gesto in se che turba e fa riflettere. 

In questo periodo si sentono delle bruttissime storie che hanno come protagonisti ragazze che vengono stuprate senza pietà da coetanei senza pietà. Tutte queste cose non fanno altro che uccidere il sesso e lo fanno vedere alla gente come una cosa negativa che può essere usata anche come violenza. 

Tutte queste cose sono vere purtroppo e sono molto più gravi rispetto alla storia di oggi, che nel suo piccolo è comunque grave e deve far riflettere. 

Come vi ho già detto molte volte, il sesso è una delle cose più belle che ci sono nella vita di una persona. Bisogna rendersi conto che è realmente così e che non si deve sciupare o usarlo come una violenza verso altre persone. 

Francamente credo che si debba pensare molto a quello che sta succedendo oggi e tutti devono avere dei comportamenti più consoni e assolutamente non violenti. 

E’ un periodo dove il sesso viene visto in maniera negativa da parte di tutti e questo non deve succedere perchè per i giovani che si stanno avvicinando a questo “nuovo mondo”, tutto deve essere positivo e limpido.

Mi auguro veramente che si possa trovare una situazione e spero che la gente capisca la situazione e la smetta di tenere dei comportamenti che anche se sono fatti per insegnare un qualcosa, come nel caso del professore, possono essere controproducenti e creare dello scompiglio nella società di oggi che deve ritrovare l’amore per il sesso, quello vero. 

Leave A Response »