Un italiano su due pratica come unico sport la prostituzione, ma nessuno lo ammette

Rosario Masi novembre 2, 2016 0
Un italiano su due pratica come unico sport la prostituzione, ma nessuno lo ammette

Anche se quasi tutti fanno finta di niente, in Italia un uomo su due pratica sport attraverso il sesso a pagamento. Sarebbero almeno 10 milioni l’anno le prestazioni sessuali effettuate per un totale di circa 3 milioni di clienti attivi. Possiamo quindi stabilire, senza motivo di essere smentiti, che in Italia si “gioca” con i corpi delle donne.

E che se ne dica, quando si parla di italiani popolo di santi, navigatori e poeti, bisogna anche aggiungere popolo di puttanieri. Eh già, ogni classe sociale unita per frequentare le strade più belle delle nostre periferie. Ma anche all’estero, è pieno di bordelli frequentati dai nostri connazionali.

Lasciando perdere per un attimo il senso della legge Merlin (contro cui noi ci scagliamo da tempo), la cosa che sbalordisce è che nessuno ammette di frequentare prostitute. O almeno non pubblicamente. Su internet è un proliferare di rivendicazioni che giustificano l’azione con “mi trasmette sicurezza”, “accresce la mia autostima”, “mi fa sentire coccolato” e via dicendo. Ma sono tutte rivendicazioni anonime, senza firma.

Noi di DaUomo saremmo davvero lieti se tutti i benpensanti facessero seguire alle loro opinioni pubbliche ai fatti, perchè ci siamo stufati di incolonnamenti davanti alle gnocche più interessanti e alle auto in doppia fila per un tozzo di patata. Dite pure che non andate a prostitute, ma poi statevene a casa.

Leave A Response »